963 views

E’ ancora l’Expo di Milano – precisamente presso lo stand della Regione Umbria in cui si sta svolgendo la mostra Convivium 2.0 – lo scenario scelto per la presentazione del nuovo font dell’Umbria ideato dall’Accademia delle Belle Arti. Il carattere tipografico, che vuole esaltare le caratteristiche dell’Umbria tra passato e futuro, è stato presentato con il nome di “Monk”, monaco, in onore della tradizione amanuense dei monaci umbri. Il claim scelto per la presentazione che in qualche modo rimanda al mondo “culinario”: La diffusione del sapere come cibo per la mente. Chissà perché quando si parla di Umbria salta fuori sempre il cibo. Vabbè meglio non indagare, non SAPERE! «Questo nuovo ed originale ‘font’ è la sintesi dell’Umbria del passato che sa guardare al futuro, l’Umbria della tradizione amanuense dei frati benedettini e di quelli francescani che ha consentito all’umanità di conservare gli inestimabili tesori della conoscenza e del sapere», ha detto la governatrice Catiuscia Marini. «Con questo progetto – continua la Marini – abbiamo voluto portare a Expo una terra che grazie alla tradizione del monachesimo benedettino prima e francescano poi ha saputo trasmettere nel tempo la conoscenza, grazie all’antica pratica degli amanuensi. È proprio da quelle tradizioni che nasce l’identità della nostra regione che vogliamo far conoscere sempre di più al mondo. Sono tradizioni che affondano le loro radici nella passione dei frati per la trasmissione del sapere, ma anche per coltivazione della terra, per la produzione del cibo. È il senso di questa mostra e del progetto ‘Monk’ è appunto quello di tenere insieme il concetto di cultura con quello di coltura». Che la cultura debba essere la base sulla quale l’Umbria riesca a proiettarsi verso un avvenire sempre più luminoso non ci piove. Quello che ci sfugge invece è il concetto di coltura tra passato e futuro: sta a significare che eravamo contadini e torneremo a fare i contadini? Visto l’andazzo forse non ci sono font per trascrivere una risposta concreta.


Copyright 2011 Limpiccione.it