1.435 views

Nuovo appuntamento di prestigio per “il miracolo di azzurro e di oro” esposto fino al 30 dicembre al Complesso museale di San Francesco a Montefalco. Sabato 31 ottobre, alle ore 17, sarà presentato il catalogo ufficiale della mostra “Benozzo Gozzoli. La Madonna della Cintola”, dedicato alla Pala tornata nella città di Montefalco dopo 167 anni. A presentare il volume, edito da Silvana Editoriale e curato da Adele Breda, sarà Antonio Paolucci, Direttore dei Musei Vaticani e curatore della mostra. Insieme a lui interverranno il Sindaco di Montefalco Donatella Tesei, S.E. Monsignor Renato Boccardo Arcivescovo Spoleto-Norcia, la curatrice Adele Breda del Dipartimento delle Arti dei Musei Vaticani, Alessandra Zarelli e Massimo Alesi del Laboratorio di Restauro e Dipinti dei Musei Vaticani. Si potrà assistere ad una Lectio magistralis del professor Paolucci e dei restauratori dell’opera, che metteranno in evidenza il grande valore del restauro della magnifica Pala d’altare. Il catalogo, in italiano e inglese, è stato realizzato grazie al prezioso contributo dell’azienda Fabiana Filippi, che ha partecipato attivamente con altri imprenditori all’intero progetto legato al recupero della Pala del pittore fiorentino Benozzo Gozzoli.

Il volume è completato da un accurato apparato fotografico che illustra le fasi prima e dopo il restauro e i dettagli artistici dell’opera, oltre a notizie biografiche e una bibliografia essenziale.

Spiega Antonio Paolucci nella sua introduzione al catalogo: “Frate Antonio chiamò il trentenne Benozzo Gozzoli, il migliore allievo e a quell’epoca ormai socio del Beato Angelico, e gli affidò per la “sua” Montefalco, l’esecuzione di una pala d’altare. […] Il risultato è uno dei capolavori del Rinascimento pittorico italiano come il restauro condotto dagli operatori dei Musei Vaticani Alessandra Zarelli e Massimo Alesi, per la direzione di Arnold Nesselrath coadiuvato da Adele Breda, ha dimostrato: carpenteria lignea di straordinaria qualità, quasi un capolavoro di ingegneria strutturale, arrivato miracolosamente intatto fino ad oggi. […] Al luglio del 2015 Benozzo Gozzoli torna a Montefalco presentando la più bella, la più prestigiosa fra le sue opere di pittura su tavola, mentre la Pinacoteca Vaticana si arricchisce di un restauro esemplare. Tutto questo grazie a un sindaco che ha dimostrato di amare la patria”.

In occasione del restauro, la tavola è stata analizzata sotto i diversi aspetti artistici, iconografici e conservativi, individuando le qualità particolari che ne fanno un unicum. L’opera si rivela all’avanguardia per la tipologia dell’ancona quadrata – preferita al tradizionale trittico a scomparti in uso in Umbria nel 1450 – e per la struttura lignea di concezione avanzata, che ne ha permesso un’ottima conservazione. La qualità pittorica del dipinto permette di riconoscere il giovane Benozzo come il vero erede del Beato Angelico.

Oltre 11.000 visitatori sono già venuti ad ammirare lo “splendore angelico” della Pala realizzata dal Gozzoli per la Chiesa di San Fortunato. Continua in ascesa il successo di pubblico e di critica per questa mostra che richiama ogni giorno centinaia di visitatori sia italiani che stranieri. Molti gli articoli e le recensioni pubblicati sulla stampa regionale e nazionale.

Il prossimo atteso appuntamento, già in programma al museo, è per giovedì 5 novembre alle ore 19, con la speciale visita in mostra del critico d’arte Vittorio Sgarbi e la presentazione del suo nuovo libro “Piene di grazia. I volti della donna nell’arte”.

Per informazioni e prenotazioni: Sistema Museo 199151123 (da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 15.00 escluso i festivi) – callcenter@sistemamuseo.it / Museo di Montefalco tel. 0742.379598 – montefalco@sistemamuseo.it; www.museodimontefalco.it


Copyright 2011 Limpiccione.it