611 views

E’ noto a molti che ormai Perugia è diventata la groviera del centro Italia, così come è noto che il Comune non riesce a gestire questo serio problema. Ma lo stupore, quello vero, arriva quando una mattina di marzo esci dalla galleria Kennedy direzione via XIV settembre e noti che davanti al distretto della Asl (si, in quella piccola curva stretta) dove non c’erano buche ma voragini, ora ci sono gli addetti del comune che stanno stendendo asfalto a freddo per rattoppare il manto stradale. Dopo un primo istante di felicità per aver salvato anche in quella giornata i pneumatici della macchina, di colpo torni lucido e ti rendi conto che gli addetti del Comune stanno stendendo l’asfalto a freddo sotto la pioggia e con le macchine che continuano a passare. Tuffo al cuore e pensi: ‘Quanto mai durerà?’ Così, meno speranzoso, ma sempre ottimista per la notevole opera che hai appena visto realizzare, prosegui verso la tua strada. Il tuo ottimismo però si infrange dieci giorni dopo quando passando sempre per quel tratto di strada, realizzi che le voragini sono rinate, l’asfalto a freddo è ‘scappato’ ostruendo i tombini e scarichi per l’acqua piovana e la tua macchina a breve sarà portata da gommista.


Copyright 2011 Limpiccione.it