1.025 views

H&M SBARCA A PERUGIA. APRIRA’ NEL GIRO DI QUALCHE MESE A COLLESTRADA.

UNA VITTORIA PER LA CITTA’, UNA SCONFITTA PER IL CENTRO STORICO

di Matteo Grandi

Quello che negli ultimi tempi era soltanto un rumor, una voce nell’aria ora è realtà. H&M, il colosso dell’abbigliamento low cost svedese, oggi vero fenomeno di moda e tendenza a livello mondiale arriva a Perugia. Ma non in centro dove molti credevano, o si auspicavano, per un rilancio commerciale dell’acropoli, ma all’interno del Centro Commerciale di Collestrada. Collestrada che continua a fare la parte dell’asso pigliatutto rispetto alle dinamiche commerciali della città. Una notizia che ha del clamoroso perché in molti a Perugia attendevano con ansia lo sbarco di H&M.
E, a quanto si apprende anche se in questo caso rientriamo nuovamente nelle sfera del gossip, non è da escludere, da qui al 2013, una seconda apertura in questo caso a Corciano all’interno del centro commerciale Gherlinda.
Ma torniamo alle certezze. L’accordo sarebbe stato siglato nei giorni scorsi. Per cui H&M si accinge a sbarcare all’interno del centro commerciale. Pare, anche in base a delle richieste di riorganizzazione degli spazi finite nei mesi scorsi sulle scrivanie del comune, che H&M andrà ad occupare parte di quelli che oggi erano i locali Mediaworld. Che quindi è destinato a rimodularsi su uno spazio non totalmente corrispondente a quello occupato fino a oggi. Il resto della superficie destinata a H&M dovrebbe venir fuori dalla conversione a commerciale di spazi che oggi venivano utilizzati come magazzini.
Complimenti dunque al Centro Commerciale di Collestrada che mette a segno un vero colpo da Novanta.
Resta però nell’aria la sensazione di un’occasione persa dal Centro Storico per un rilancio forte dell’acropoli attraverso la presenza di un attratore commerciale oggi tra i primi al mondo. E la sensazione è che le istituzioni come al solito si siano defilate, con un pilatesco silenzio, che però denota l’ormai evidente assenza di un progetto sul centro e della volontà di rilanciarlo.

  • Claudia

    Finalmente arriva un negozio decente con i prezzi accessibili.

    • http://www.lipiccione.it AdminV

      L’aspetto che Matteo Grandi ha sollevato riguardo la lenta morte del centro non ti tocca minimamente? Tutti apprezzano la nuova apertura di un negozio che come dici tu ha “prezzi accessibili”, ma secondo noi si poteva coinvolgere l’acropoli perugina in modo migliore (tanti i motivi di sconforto per l’utente che cerca di usufruire del centro di Perugia, sia chiaro). Comunque grazie per la tua partecipazione.
      La redazione

      • Marco Tesorini

        Credo sia opportuno precisare che la scelta di H&M di andare a Collestrada sia derivata dal fatto che nel centro storico di Perugia non abbiano trovato locali idonei alle loro esigenze. I responsabili di H&M hanno visionato numerose proposte ,ma nessuna era rispondente alle caratteristiche tipo dell’azienda.normalmente H&M apre nei centri storici,ma in locali di determinate superfici e di pregio. Sicuramente e’ una sconfitta per Perugia città
        , ma non si può dare una responsabilità all’amministrazione comunale.
        Marco Tesorini

  • http:///www.lastanzadiphoebe.it phoebe

    Ma io mi chiedo: H&M sarebbe stato la risoluzione del centro? Magari nel breve periodo, ma poi?
    I problemi del centro sono diversi: brutte frequentazioni, orari inutili, parcheggio impossibile o caro “guasto”. Se si vuole dare nuova vita al centro, non basta H&M e nemmeno Apple.

  • Lola

    grandi catene come H&M non troverebbero spazio negli spazi commerciali striminziti del centro storico. non la vedo come una sconfitta per il centro storico, è solo che un colosso come H&M ha bisogno di spazi veramente grandi.

  • francesca

    Io l’avrei visto bene dove stava Coin…mi sembrava abbastanza grande

  • http://facebook Tommaso Scarponi

    ma quando apre esattamente.. ?

    • http://www.lipiccione.it AdminV

      di preciso non lo sappiamo. ma crediamo molto presto visto i lavori di spostamento che stanno facendo.

  • Elfetta

    Il problema principale del centro è che nel corso degli anni ha subito una sorta di ghettizzazione: vedi ZTL, prezzi dei parcheggi esorbitanti, minor efficienza dei trasporti pubblici nonostante un notevole aumento delle tariffe etc etc.
    Tutti questi fattori non possono far altro che scoraggiare le persone ad andare in centro e purtroppo non ci si rende conto che si sta lasciando morire il cuore di una città meravigliosa.

    Chissà perchè H&M ha scelto di non aprire in centro (e idem prima di lei ZARA)… Chissà perchè nelle maggiori città italiane (e non solo) un negozio di queste catene prima di trovarsi nei centri commerciali è stato aperto in centro e da noi no…

    Ci sono decine e decine di negozi ogni anno che chiudono e vie che di conseguenza restano deserte e che di giorno e di notte divengono teatro di spaccio e quant’altro…
    Non è questo un problema degno di nota? Ovviamente ci sono altri interessi in ballo…

    In inverno alle 7 di sera Corso Vannucci è praticamente deserto (ma gli spacciatori ci sono sempre!) nemmeno forse il corso di un paesino sperduto. I commercianti le hanno provate tutte (come quando anni fa regalavano biglietti del parcheggio ai propri clienti) ma se vengono ostacolati uscirne è impossibile. Quanti riusciranno a sopravvivere?
    Non pensiamoci quando sarà troppo tardi

    @ Marco Tesorini: davvero in centro non c’erano locali di determinate superfici e – soprattutto – di pregio? A me vengono in mente i locali dell’ex STANDA/COIN ad esempio… Credo comunque che se a un colosso come H&M fosse interessato aprire in centro si sarebbe mossa di conseguenza.
    Per quanto riguarda l’amministrazione comunale ahimè le sue colpe purtroppo ce l’ha. Non mi riferisco al caso specifico ovviamente, parlo in generale dell’approccio che ha avuto nei confronti del centro negli ultimi decenni.

  • rana

    secondo me, volendo, sarebbe stato possibile aprirlo in centro!(i locali non mancano e se uno guarda dove l’hanno aperto a firenze:sottoterra, puzza di fogna, ma in pieno centro!)
    ho esultato tantissimo quando sono venuta a sapere che avrebbe aperto anche qui h&m, ma ci sono rimasta troppo male quando mi hanno detto che sarebbe stato a collestrada!!
    non conosco le dinamiche che ci sono dietro a tutti questi fenomeni, ma non ci vuole una scienza a notare che a perugia i centri commerciali stanno invadendo tutte le zone limitrofe alla città, mentre il centro si svuota!
    mi rendo conto che non è aprendo un negozio come h&m che puo risolversi il problema del centro storico, ma sarebbe se non altro un segnale, una dimostrazione che qualcosa si prova a fare per farlo rivivere…e poi se uno pensa a quanta gente satellita intorno a queste grandi catene…sarebbe gente che poi magari rimane in giro per il centro e va anche negli altri negozi!vuoi mettere quanto è più bello!dovrebbe solo diventare più comodo e accessibile…insomma io il centro lo amo e pure i negozi che ci sono lì!…spero tanto che questa situazione migliori al più presto

  • romina

    e la nuova apertura di questi giorni quale sarà?

    • http://www.limpiccione.it LimpiccioneV

      Senza dubbio quella dell’iniziativa Perugia is Open – e cioè che tutti i giovedì di giugno e luglio il centro storico rimarrà aperto fino a mezzanotte con le saracinesche dei negozi alzate e, dalle ore 19, aperitivo in musica fino a mezzanotte nei bar che aderiscono all’iniziativa, con Dj e consolle a disposizione – subito smentita però dal fatto che il Minimetrò chiude ugualmente alle 21.00. Dunque più che APERTURA possiamo parlare di CHIUSURA… la stessa di molte attività.

      • marcello

        Come volevasi dimostrare !
        Anche questa giovanilista ed illuminata amministrazione di sinistra, come del resto tutte le precedenti, si distingue per i falsi annunci di finti interventi e per le miracolistiche iniziative sulla sicurezza ed il coinvolgimento dei giovani che dovrebbero portare a sanare la tragica situazione sociale ed economica del centro storico di Perugia.
        La verità è che purtroppo ai signori del comune, l’acropoli, intesa come luogo e comunità di cittadini, non interessa. La ragione principale è che Il centro storico numericamente esprime solo pochi voti e per giunta prevalentemente di destra e ospitando la maggior parte degli spacciatori, li tiene lontani dalla periferia. Quindi è logico che l’attenzione dell’ aministrazione comunale (anche grazie alla mediocrità dell’opposizione) sia rivolta tutta ai quartieri rossi ed alle realtà organiche alla sinistra che rendono economicamente, politicamente, clientelarmente e sopratutto mantengono in vita strutture e politiche autoreferenziali. Un esempio ? : Collestrada, ed il gioco è fatto !


Copyright 2011 Limpiccione.it